Isola di certificazione guasti su rientri dal campo

I centri R&D sono alla continua ricerca di dati per supportare o correggere le scelte fatte: quando un progetto diventa operativo è molto utile analizzarne il comportamento e capire i punti di debolezza. Questa analisi diventa ancor più importante quando siamo in presenza di moduli elettronici che operano in condizioni difficili e rischiano di bloccare un servizio importante quale la distribuzione di energia elettrica.

Un sistema flying probe è la soluzione ideale per la diagnostica a livello componente da effettuarsi su schede identificate come guaste in sede operativa. L’accesso su entrambi i lati della scheda crea le condizioni per poter verificare ogni singolo componente e di poterne verificare le caratteristiche. Questa tecnica garantisce tempi ridotti per determinare il guasto e miglioramento della qualità in quanto si vanno a riverificare tutti i componenti presenti nel circuito.

REALIZZAZIONE:

  • COLLAUDO FUNZIONALE: realizzato su banco dedicato per verificare che il dispositivo sia realmente guasto
  • APERTURA: Seica Automation ha realizzato una cella automatica nella quale, mediante un robot antropomorfo dotato di fresa, si possa aprire il contatore senza rovinare l’elettronica interna
  • COLLAUDO SCHEDA: la scheda viene trasferita su un sistema Pilot V8 per il collaudo parametrico di tutti i componenti con l’intento di verificare quali abbiano messo in crisi la funzionalità
  • RACCOLTA DATI: il guasto identificato viene abbinato al seriale di scheda e archiviato su database

BENEFICI:

  • Statistica guasti mirata ai componenti e non alla funzionalità
  • Processo di apertura dispositivo automatizzato, rapido e sicuro
  • Analisi di tutti i componenti veloce, puntuale ed oggettiva
  • Aumento della produttività e conseguente miglioramento della potenzialità di campionamento dei dispositivi guasti
  • Archiviazione automatica dei dati